domenica 8 settembre 2013

Un sacco ... di succo!



Calda, impegnativa, poco rilassante e decisamente C o r t a ... la mia estate è quasi finita!
Siamo giunti alla ripresa della quotidianità, la spesa settimanale, la cucina attiva tutti i giorni,
i capricci, l'asilo e qualche lavoro! In mezzo a tutto ciò, le giornate si sono già accorciate...
di un bel pezzo, ma le finestre aperte fino a sera e soltanto t-shirt e braghette per vestire
mi danno l'impressione di essere ancora in vacanza...
Le mie creature si sono accaparrate ben più di una parte del mio tempo... direi quasi tutto se escludiamo qualche ora di sonno inter vallata da latte e pannolini! (E li considero bravi,
non oso immaginare se fossero pesti!)
Nonostante la quantità di tempo decisamente scarsa; il buon umore e la creatività hanno sempre
il loro "piccolo studiolo" nella mia testa... per ora idee e bozze appuntate con poche pennellate.
Spero presto di realizzarle!
La cucina ha lavorato molto poco e con scarsissime esibizioni da chef!! Solo qualche eccezione ma la fotocamera ahimè non era tra i commensali! Un appunto però non potevo ignorarlo, a proposito di deliziosa frutta di bosco!
Tempo fa un paio di amici mi hanno regalato un "sacco" ( nel vero senso della parola) di mirtilli buonissimi, super bio e raccolti da loro! La quantità era decisamente esagerata, la temperatura esterna oltre i 30°  lasciava presumere che si producesse soltanto qualcosa di fresco ma soprattutto rapido e che non implicasse ore davanti ai fornelli.
Per ovvie ragioni ho escluso la produzione di marmellata!!
Pensa e ripensa: idea!!! Il Succo! Fresco e buonissimo, senza contare i benefici!!!
Ho cercato qua e là nell'etere e alla fine ho trovato la ricetta perfetta, ecco il risultato eccellente!
È piaciuto davvero a tutti!
Consiglio: il prodotto finale è un po' denso e dolce, c'è chi lo ha bevuto solo così, io l'ho trovato molto più dissetante diluito con una parte d'acqua!!
Grazie E+E!




































Ingredienti:
500 g di mirtilli
200 g di zucchero
800 ml di acqua

Sciacquare bene i mirtilli con acqua fresca, meglio sotto un getto d'acqua corrente, poi versarli in una pentola capiente e unire lo zucchero e l'acqua.
accendere il fuoco moderato per 30 minuti dall'ebollizione.
Spegnere il fuoco e lasciar intiepidire un po'. Con un colino a maglie fitte filtrare la parte liquida, poi passare al setaccio di tutta la buccia e la polpa, sempre con le maglie fini, perché i mirtilli hanno tantissimi semini piccoli! Mescolare bene il succo e versare nelle bottiglie preventivamente lavate.
Lasciare in frigo e consumare freddo!



sabato 15 giugno 2013

+ 1 mese!

Da fonti sicure avevo raccolto informazioni riguardo alla maternità numero 2... nel bene e nel male si conferma tutto ciò che le suddette fonti avevano predetto!
Tutto è più semplice ma tutto è più faticoso, nel mese trascorso il mio corpo ha risposto più lentamente alla ripresa e a volte mi sembra di fare una fatica immensa... in compenso mi sono innamorata per la seconda volta del mio "operato"... è stato amore a prima vista, pochi dubbi e molta intesa!
Adoro questo fagottino di tre kg e poco più!
Il tempo corre veloce e sono certa che con un po' di pazienza tutto riprenderà con il solito ritmo ... anche le mie pagine, i miei quadri e la fotografia! 
Che dire: sono felice e anche se qualcuno mi farà lavorare... per un po' resto sospesa in questo spazio scandito da poppate, capricci, dose extra di coccole, sana quotidianità e finalmente caldo!


Crostata al cioccolato bianco e lamponi

ingredienti per la frolla:
250 g di farina
150 g di burro
2 rossi d'uovo
100 g di zucchero
due cucchiai di cacao amaro

In una planetaria o sopra ad una spianatoia unire il burro con lo zucchero poi aggiungere le uova e poco per volta la farina setacciata con il cacao.
Formare una palla e mettere a riposare in frigo almeno un'ora.

ingredienti per la crema al cioccolato bianco:
250 g cioccolato bianco
250 g di latte
50 g di zucchero
15 g di farina 
2 rossi d'uovo

In un tegame unire uova, zucchero e farina poi aggiungere mescolando bene del latte tiepido.
Far addensare qualche minuto a fuoco basso unendo il cioccolato a scaglie sempre mescolando.
Lasciar raffreddare bene.

per il top:
300 g di lamponi
zucchero

Stendere la pasta in una tortiera con lo psessore di circa 4-5 mm, bucherellare il fondo e cuocere a 180° 10-15 minuti circa.
Lasciar raffreddare poi cospargere il fondo con la crema al cioccolato bianco.
Infine passare molto velocemente i lamponi sotto l'acqua poi "rotolarli" nello zucchero bianco per dargli l'effetto brinato.
Coprire lo strato di crema con i lamponi.

mercoledì 15 maggio 2013

Bianca!

Puntuale, come da copione, la dolce Bianca è arrivata!
Siamo all'inizio di una nuova "storia" da vivere e già mi sembra meravigliosa!
Metto da parte per pochissimo i libri di cucina, mi dedico con amore alle prime cure per lei,
rimetto in sesto il corpo, accendo la funzione "super mamma" e non appena la marcia sarà
ingranata il ramaiolo riprenderà la sua attività in cucina!
A presto!

martedì 30 aprile 2013

In Attesa del ... Sole!


Eccoci qui, dopo uno splendido venticinque aprile illuminato da tanto sole in cui ci siamo illusi di poter eliminare la maglietta della salute...., appunto dopo quell'eccezione, siamo ricaduti nel tunnel 
della pioggia e delle basse temperature, infatti ora (per fortuna nessuno mi può vedere...) giro per casa con un bel raffreddore da una settimana e mi curo con tisane e torte tipiche da clima autunnale! (tutto fa pensare a quello...)
E' ovvio che il piccolo mi segue a ruota... o forse io seguo lui, naturalmente malaticcio come me!
Il mio peso/la mia forma aumentano e i giorni di attesa sono sempre meno... il mio umore oscillante mi affatica un po', ma penso che nonostante le intemperie presto in casa arriverà comunque il sole!! 
Inizierà una nuova "avventura": il piccolo Pietro avrà una sorellina! 
E la (seconda) rivoluzione questa volta lo coinvolgerà in pieno! 
Per il momento forse sarebbe meglio affrettarsi a preparare la valigia... c'è chi l'avrebbe già fatto.
Questa "attesa" è volata, inizio adesso a pensare davvero quanto cambieranno gli equilibri in casa, la vita che sembrava essersi assestata dopo il trasloco e l'addio al pannolino... Ora sta di nuovo per complicarsi, mmmmhh sento che qualcosa mi spaventa un po'!.... :-)
Stop! non proseguirò il post con chiacchiere da mamme al parco... ne ho le tasche piene!!
Piuttosto vi invito a provare questo connubio praticamente perfetto di sapori che a me tutte le volte 
sorprende e delizia!
Inventato per caso, forse un po' scopiazzato qua e là, non ricordo di preciso ma questo è senza dubbio uno dei miei primi preferiti, lo definirei vero e proprio cibo per l'anima!
La pagina è strappata come sempre dal mio libro immaginario... 



lunedì 8 aprile 2013

Dolci alternative




Non so voi ma io ho perso ogni speranza... certo, parlo sempre del solito argomento!!!
Siamo ancora in attesa del clima mite, ormai anche i muri di casa si sono stufati di vedermi!! 
No, non mi lascerò prendere dal moto rabbioso... oggi si parla d'altro!
Dopo il piccolo sfoghino, ritorna Federica che tra poco sarà tutta "ciccia e brufoli", si perché ho la casa invasa da cioccolato di Pasqua, si può dire che ne sto facendo una vera e propria cura! Con la scusa che il piccolo Pietro non può mangiarlo tutti i giorni (perché è appunto piccolo!) ed invece io devo ingrassare un po' per ordini supremi del dottore, ecco fatto la dieta del cioccolato fondente! Strane voglie!!
Ma quando è troppo anche il mio pancione mi suggerisce di fermarmi!
Ok, lo riciclerò e lo regalerò per un occasione speciale. 
Detto-fatto! Ricettina di tempo fa riesumata per l'occasione, il prodotto finale è di certo più calorico di quello di partenza, ma per chi non ne ha abusato come me è un ottimo dolcetto coccoloso!





































Tartufini morbidi al cioccolato fondente
 Ingredienti per 50 palline circa

600g di cioccolato fondente, 
300g di panna fresca, 
60g di miele, 
70g di burro, 
100g polvere di cacao amaro 
50 g di cedro candito tagliato a piccoli cubetti


Preparare in anticipo il burro a T ambiente.  Fondere metà del cioccolato a bagnomaria. In una casseruola portare ad ebollizione la panna ed il miele poi unirla bene al cioccolato fuso. Aggiungere il burro e mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo poi lasciar rassodare al fresco. Preparare delle palline con il composto e mantenerle in frigo. A bagnomaria sciogliere il restante cioccolato ed immergervi le palline aiutandovi con una forchetta, lasciar sgocciolare il superfluo e rotolarle nel cacao in polvere. Lasciare al fresco prima di servire.


sabato 16 marzo 2013

Qualcosa di caldo e il libro!!!












































Queste ultime due settimane ci hanno regalato qualche nuovo malanno, un paio di buone notizie, la politica interrotta per qualche giorno dal conclave con mille canali televisivi e radio sintonizzati sulle vicende della Cappella Sistina - del camino fumante... beh che dire abbiamo un Papa!! 
E per quanto ognuno abbia detto e scritto di tutto su giornali, social network ecc, io ancora non ho avuto la mia occasione... apro qui la mia parentesi per dire con felicità: Benvenuto Francesco!!
Il mondo ti aspetta! Questa si che è stata una buona notizia!
E come non gioire del piccolo grande lavoro che è arrivato finalmente in edicola!??  
Il libretto sulle focacce a cui ho lavorato quest'inverno con Paola lo trovate allegato a cucina moderna vi consiglio vivamente di accaparrarvelo se il tema vi piace perché le ricette sono VERE, provate e testate, scritte e corrette, uscite dal forno e finite nelle nostre pance! (grazie P!)

Ed oggi inizia il weekend, soltanto uno sguardo fuori dalla finestra per illudermi che la primavera sia arrivata... il cielo è turchino, il sole splendente: esco!!
Ma che freddo fa!!?? Il vento da queste parti ha spazzato rami e foglie dappertutto, le mie due piantine nuove nuove implorano pietà e tutte storte battono in ritirata "nella serra" ovvero, nient'altro che un angolo di casa dedicato al ricovero di "quelle" che soffrono il freddo!
Quasi quasi mi ci metto anch'io!
Siamo alle solite, accendo il pc guardo il meteo e lo sconforto... mi prende! Domani neeeve!!! Temperature sotto zerooo?? Ma qui ci sono le t-shirt che trepidano!! 
I vasetti vuoti delle aromatiche che aspettano! 
Il mio "corpicino lievitato" che non sta più nelle taglie invernali!!
Francesco pensaci tu! Potresti per cortesia prima di tutto richiamare all'ordine la P R I M A V E R A?
Intanto io mi preparo una Zuppa e mi sa che andrò a fare provviste per i prossimi giorni! 
Visto che potremo uscire solo con la slitta! :-(

La ricettina in questione supersemplice l'ho scopiazzata alla cara Anna, compagna di gioco, pettegolezzi, di pomeriggi con e senza piccole pesti, scambi di rette, donna dalle mille risorse che stimo e trovo tanto tanto preziosa! La zuppa è come lei: semplice ma speciale!
Ogni volta ci scalda il cuore!

 




L'immagine quassù è tratta dalle pagine del mio libro immaginario :-)... riporto la ricetta "quassotto" perchè anche i migliori vedenti possano leggerla! 

"Zuppa Anna"

ingredienti:
500 g di zucchine verdi
300 g di carote
400 g di patate
due coste di sedano e il cuore con le foglie
1 porro
1 cipolla piccola
300 ml d’acqua + 1/2 dado vegetale
150 ml panna da cucina
pepe,sale,olio extravergine d’oliva
in proporzione variabile salvia, timo e rosmarino freschi, origano secco tritati
due fette di pancarrè
una noce di burro

Pulire e tagliare a tocchetti abbastanza regolari le verdure. 

Cospargere il fondo di una pentola capiente con con olio e lasciar scaldare, poi unire le verdure, 
far “soffriggere” un paio di minuti poi aggiungere il brodo caldo fatto con il dado e l’acqua.
Mescolare bene e rimestare di tanto in tanto. Cuocere per un’ora a fuoco lento e alla fine passare tutto al mixer fino ad ottenere una crema. 
Condire con pepe olio ed unire 100 ml di panna. A parte tagliare a piccoli cubetti il pancarrè, in una padella antiaderente sciogliere il burro e poi tostare il pane per qualche minuto rigirandolospesso. 
Salare bene e servire insieme alla zuppa condita con un cucchiaio della panna rimanente per ogni piatto ed il trito di erbe aromatiche.














mercoledì 6 marzo 2013

"Ricettando a voce bassa"





































Dopo le settimane di caos politico, elezioni, grandi discussioni e clima rigido... siamo tornati quasi alla normalità... quella ingovernabile normalità che purtroppo ci rappresenta!
La cucina di casa non si è mai fermata anche nei peggiori momenti di "crisi", anzi il forno ha cotto più "comfort food" in queste ultime settimane che in tutto l'inverno!
C'è proprio bisogno di tirarsi su!
A proposito: oggi dopo una mattinata impegnativa ho pranzato in piacevole compagnia in "questo posticino" davvero una coccola...soprattutto perché erano secoli che non mi concedevo una vera pausa pranzo!
Il locale è nuovo, self service a pranzo, rigorosamente arredato con materiali che ricordano i colori della terra. I sapori dei piatti rimandano alla semplicità della "cucina naturale".
Tante verdure, cereali e robine sane!Pane compreso!
Darei un buon voto, unica nota negativa non c'è il caffè, fondamentale dopo pranzo!! Ma è pur sempre una buona ragione per fare quattro passi ed andare a cercarlo altrove!
Dal forno di casa invece esce un buon profumino, la ricetta mi è stata raccontata settimana scorsa mentre facevo "4 chiacchiere" con un'amica. Tra un lavoro e l'altro ho segnato l'ottimo suggerimento.
Esperimento riuscito, abbastanza veloce e di grand'effetto!






































Pasta al forno con i funghi

Ingredienti:
per una teglia di circa 20 x 30 cm
500 g di pasta fresca o sfoglie pronte fresche
750 g di Funghi misti (surgelati)
200 g di crescenza
    500 g di besciamella*
    100 g di grana grattugiato
    un mazzetto di prezzemolo tritato
    1 spicchio d'aglio
    olio, sale, pepe
    burro

In un tegame scaldare dell'olio con uno spicchio d'aglio diviso in due e privato dell'anima. Poi versare i funghi e cuocerli a fiamma vivace per qualche istante, dopodiché aggiungere brodo o acqua salata per proseguire la cottura. Abbassare la fiamma e lasciar stufare per 10 minuti. Lasciar intiepidire.
Preparare la pasta fresca e tirarla in 10 sfoglie, oppure come ho fatto io compratela già pronta fresca.
Per essere certa della resa io le immergo una per volta in acqua bollente qualche secondo.
Ungere il fondo di una teglia 20x30cm poi stendere due sfoglie sovrapponendole un po'.
Poi cospargere la superficie con qualche cucchiaio di besciamella, funghi, piccoli pezzettini di crescenza, prezzemolo, grana, pepe e sale il tutto ben distribuito in maniera equa.
Considerare che gli strati sono in totale 4, quindi consiglio di suddividere in quattro parti funghi e crescenza così da ottenere ripieni omogenei.
Quindi ripetere l'operazione per altri tre strati. Alla fine cospargere l'ultimo con la besciamella rimasta, il grana, il prezzemolo, sale, pepe e fiocchetti di burro.
Infornare a 180° per 15 minuti poi con la funzione grill alto lasciar colorare bene la crosticina per qualche minuto.
Sfornare e servire.


Ingredienti per la besciamella*
50 g di farina
500 ml di latte
50 g di burro
noce moscata
sale


Sciogliere il burro in una casseruola a fuoco basso, poi unire la farina mescolando con un cucchiaio di legno.
Aggiungere il latte e mescolare bene con una frusta.
Cuocere 10 minuti mescolando di continuo finché la salsa si addensa.
Non devono esserci grumi.
Togliere dal fuoco salare ed aggiungere la noce moscata.